Pappardelle al timo con ragù bianco di faraona

Da quando ho scoperto la faraona mi sta dando grandi soddisfazioni. Nel mio immaginario la faraona era solo quella arrosto, un po’ dura e con un sapore un po’ marcato. Francamente niente che valesse la pena di essere riproposto e invece con cotture veloci e un po’ diverse è saporita ed estramamente versatile.
Quindi via libera alle pappardelle! Sì, bisogna prepararle…

Ingredienti per 4 persone:

– 300 gr. farina per sfoglia
– 3 uova
– 180 gr. di polpa di faraona tritata
– timo fresco
– sedano, carota e cipolla tritati
– olio evo
– 30 gr. burro
– vino bianco
– brodo vegetale o di pollo
– lamelle di tartufo nero (facoltativo)
– sale
– pepe bianco

Iniziate a preparare le pappardelle impastando la farina con le uova, un po’ di sale e il timo sfogliato. Se le uova sono un po’ piccole aggiungete pochissima acqua fino a raggiungere la consistenza giusta.
Se avete un’impastatrice è un’operazione che richiede 5 minuti ca. e solo alla fine dovrete dare gli ultimi ritocchi a mano, altrimenti armatevi di pazienza e impastate come facevano le nostre nonne!
Lasciate riposare l’impasto per una mezzoretta avvolto nella pellicola trasparente.
Trascorso questo tempo tirate la sfoglia con l’apposita sfogliatrice, tenedola un po’ spessa in modo che non si rompano quando le condite.
Fate asciugare le strisce stese su un tagliere o sull’apposito asciuga sfoglia e intanto preparate il ragù.
Rosolate nell’olio e nel burro sedano, carota e cipolla. Unite la faraona tritata e dell’altro timo fresco, fate rosolare a fiamma alta e sfumate con un mezzo bicchiere di vino bianco. Salate e pepate e aggiungete un po’ di brodo in modo che non si asciughi.
Cuocete con il coperchio per una mezzoretta, aggiungendo altro brodo se necessario. Il ragù dovrà risultare un po’ brodoso, perchè le pappardelle “bevono” molto sugo e rischierebbero di risultare secche.
Arrotolate le strisce di sfoglia su loro stesse quando saranno asciutte ma non secche e con un coltello a lama larga tagliatele della misura che più vi piace.
Una volta cotte (ci metteranno pochissimo perchè sono davvero fresche), conditele con il ragù e se vi piace qualche lamella di tartufo.

Pappardelle al timo con ragù bianco di faraona
Pappardelle al timo con ragù bianco di faraona
Precedente Orzotto al teroldego, taleggio e bacon croccante Successivo Spiedini di pollo mediterranei

Lascia un commento