Filetti di baccalà su vellutata di ceci e dadini di zucchine croccanti

Era giugno, eravamo in moto e stavamo per imbarcarci per la Sardegna. 🙂
Dimenticavo… eravamo a Livorno, la patria del baccalà nostrano.
Al Bistrot M, un’oasi di pace e buona cucina vicino al porto, ci hanno servito questo piatto, innovativo, delicatissimo ma che racchiude in sè tutta la tradizione toscana.
Mi è piaciuto talmente tanto che ogni tanto lo rifaccio e ora ho deciso di postarlo nel mio blog.

Ingredienti per 4 persone:
– 400 gr baccalà surgelato in un unico filetto
– 1 vasetto di ceci al naturale
– 3 zucchine
– olio evo
– timo fresco
– rosmarino
– aglio
– limone
– sale e pepe bianco
– pepe nero

Scolate i ceci dalla loro acqua di conservazione. Fate soffriggere uno spicchio d’aglio tritato a cui avrete eliminato il germoglio interno in un filo d’olio evo assieme a un rametto di rosmarino.
Unite i ceci e coprite d’acqua per circa un dito oltre il livello dei ceci. Salate e fate sobbollire per 15 minuti ca. poi frullateli con il minipimer. Se la crema dovesse risultare troppo densa aggiungete un filo d’acqua, se invece dovesse risultare troppo liquida ponete nuovamente sul fuoco per farla addensare.
Togliete la pelle al filetto di baccalà con un coltello affilato e ricavatene 8 tranci regolari. Ponete sul fuoco una vaporiera, aggiungendo all’acqua il succo di un mezzo limone.
Cuocete per 5 minuti o più a seconda della grossezza dei filetti, poi fateli raffreddare.
Fate saltare i dadini di zucchine in un filo di olio evo e qualche rametto di timo fresco, salate, pepate, spegnete dopo 3-4 minuti ed eliminate il rametto di timo.
Ponete sul fuoco un’altra padella con un filo d’olio evo, fatelo scaldare bene e ripassate  i filetti di baccalà brevemente e a fuoco vivo per alcuni minuti, girandoli delicatamente sui 3 lati.
Salate e pepate e inziate ad impiattare.
Ponete la crema di ceci sul fondo dei piatti, disponetevi sopra i filetti di baccalà ed ultimate con i dadini di zucchina.
Guarnite con un rametto di timo fresco, una grattugiata di pepe nero fresco e un filo d’olio evo.

Precedente Peperoni baby ripieni di quinoa Successivo Margherite al kamut con dadini di zucca e spinacini saltati e Brie di capra biologico

Lascia un commento