Marmellata di arance

Se ne avete voglia provate la marmellata con i panini di prima, altrimenti gustatela come più vi piace. E’ buonissima e soprattutto è completamente diversa da quella industriale e ripaga completamente del tempo che ci si impiega a farla.
Quindi quando mi appresto a farla, raddoppio le dosi e la faccio con 2 kg di arance. Almeno soffro una volta sola…

Ingredienti:
– 2 kg arance biologiche non trattate
– 1 kg zucchero semolato
– 1 limone
– 1 bustina di fruttapec

Iniziate pelando le arance con un pelapatate in modo da non prelevare la parte bianca.
Ponete sul fuoco 2 pentole piene d’acqua e portatele a bollore. Intanto tagliate le scorze a fiammifero e sbollentatele per 10 minuti prima in una pentola, poi una volta scolate tuffatele nuovamente nella seconda pentola per altri 10 minuti.
Nel frattempo tagliate a vivo le arance, avendo cura di eliminare tutta la parte bianca.
Tagliatele a fette orizzontali e poi a cubetti.
Versate la polpa e le scorze nella pentola che utilizzerete per fare la marmellata, unite lo zucchero, il succo del limone e il fruttapec.
Mescolate e portate a bollore, abbassate la fiamma e schiumate ogni volta che si formerà in superficie in modo che rimanga limpida una volta invasata.
Cuocete a fuoco dolce per un’ora circa, fino a quando non inizierà a caramellare sul fondo e comunque facendo la prova della giusta densità versando un po’ di marmellata su un piattino. Se una volta raffreddata scivola lentamente ha raggiunto il giusto grado di cottura.
Invasate nei vasetti Bormioli, chiudeteli bene e capovolgeteli.
Le vostre fatiche saranno ripagate all’apertura!

Precedente Panini golosi ai 7 cereali Successivo Risotto alla zucca, marsala e rosmarino